Politiche

Upi, dl pagamenti Pa farraginoso e con troppi adempimenti burocratici

Saitta: "Non evidenzia con chiarezza da quando possono essere considerati gli spazi finanziari di esclusione dal Patto di stabilità".
24 Ore Roma, 11 apr. (Labitalia) - Il decreto legge per lo sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione "è farraginoso ed eccessivamente carico di adempimenti burocratici. Con gli oltre 30 decreti attuativi, infatti, "rischia di non produrre il risultato atteso e richiesto sia dalle imprese che dalle Province". Il presidente dell'Upi, Antonio Saitta, nel corso delle audizioni delle commissioni speciali di Camera e Senato, chiede inoltre di ridurre di 400 milioni i tagli alle province e avverte: i servizi sono "a rischio". Il governo, secondo Saitta, ha scelto di adottare un procedimento che, "ancora una volta, impone agli enti locali paletti e vincoli". Inoltre, avverte, il provvedimento "'non evidenzia con chiarezza'' da quando possono essere considerati gli spazi finanziari di esclusione dal Patto di stabilità. Di conseguenza, conclude, "si preclude agli enti la possibilità di spendere le risorse a loro disposizione per gli investimenti sul territorio e di pagare i propri fornitori".