cronaca

Papa: il cibo mondano e' avvelenato, ci rende schiavi

24 Ore Città del Vaticano, 19 giu. (Adnkronos) - Difendiamoci dalla tentazione del cibo mondano che ci rende schiavi. Papa Francesco celebra la messa sul sagrato della Basilica di San Giovanni in Laterano in occasione del Corpus Domini e, partendo dalle parole di Mosè che fanno riferimento alla storia di Israele ('Il Signore, tuo Dio, ti ha nutrito di manna, che tu non conoscevi'), mette in guardia dalle offerte di 'cibo' che solo in apparenza soddisfano di più. "Se ci guardiamo attorno, ci accorgiamo che ci sono tante offerte di cibo che non vengono dal Signore e che apparentemente soddisfano di più. Alcuni si nutrono con il denaro, altri con il successo e la vanità, altri con il potere e l'orgoglio"."Ma il cibo che ci nutre veramente - avverte Bergoglio - e che ci sazia è soltanto quello che ci dà il Signore! Il cibo che ci offre il Signore è diverso dagli altri, e forse non ci sembra così gustoso come certe vivande che ci offre il mondo. Allora sogniamo altri pasti, come gli ebrei nel deserto, i quali rimpiangevano la carne e le cipolle che mangiavano in Egitto, ma dimenticavano che quei pasti li mangiavano alla tavola della schiavitù. Essi, in quei momenti di tentazione, avevano memoria, ma una memoria malata, una memoria selettiva, una memoria schiava". Il Papa sottolinea che "l'invito di Mosè è quello di ritornare all'essenziale, all'esperienza della totale dipendenza da Dio, quando la sopravvivenza era affidata alla sua mano, perché l'uomo comprendesse che 'non vive soltanto di pane, ma … di quanto esce dalla bocca del Signore'". (segue)