lavoro

Quanta, nuovi servizi per aziende che operano nel settore energia

Presentazione a workshop ‘Jobs act e oil & gas, tutte le novità’
24 Ore Ravenna, 27 giu. (Labitalia) - Il comparto energetico è ritenuto dagli economisti uno dei settori chiave per lo sviluppo occupazionale del nostro paese. A dirlo il gruppo Quanta che ha messo in campo dei servizi per le aziende che operano nel campo dell’energia. Questo il tema che si discuterà, a Ravenna, nell’ambito del primo workshop ‘Jobs act e oil & gas, tutte le novità’. L’evento, organizzato oggi dal gruppo Quanta in collaborazione con il Ravenna offshore contractors association (Roca), vedrà aziende del settore e specialisti del lavoro fare il punto sulle novità che il Jobs act ha introdotto a vantaggio dei lavoratori e dei datori di lavoro del settore. “Le misure varate dal governo -si legge in una nota- a favore di un tessuto occupazionale sempre più bisognoso di politiche attive e l’aumento della richiesta mondiale di energia in uno scenario economico in continua evoluzione fanno del settore oil & gas un mercato strategico. Per favorirne lo sviluppo, il lavoro e il capitale umano sono fondamentali secondo gli esperti”.“Si innesta in questo scenario -continua- il contributo del gruppo Quanta, da oltre 15 anni al servizio dei mercati emergenti in materia di risorse umane. In occasione di questo workshop, la società lombarda, operante in 5 paesi, presenterà una serie di servizi volti ad affiancare le aziende operanti nel campo dell’energia”. “Il Jobs act renziano ha posto le basi - spiega Alfredo Greco, responsabile divisione Energie di Quanta - per uno sviluppo dell’occupazione nel settore in cui operiamo. E’ compito delle agenzie per il lavoro creare, attraverso soluzioni innovative e competenze specifiche, nuovi posti di lavoro che agevolino lo sviluppo del settore energie. Grazie a un’approfondita conoscenza del mercato Oil & Gas, il Gruppo è in grado di proporre alle imprese del settore soluzioni mirate per quanto riguarda l’impiego e la formazione delle risorse umane e la consulenza giuslavoristica”. ”L’evento si svolgerà non a caso a Ravenna che è considerata la capitale italiana delle attività legate all’offshore - continua Alfredo Greco - tornerà, infatti, il prossimo anno nella città emiliana l’offshore Mediterranean conference, a cui hanno preso parte, nell’ultima edizione, 32 paesi e più di 13.700 visitatori”. Il programma del workshop prevede, inoltre, una panoramica sul mercato delle energie nei paesi del Medio Oriente, che è stata affidata a Guido Jarach, international business development del gruppo Quanta, attualmente impegnato in una ricerca nell’area medio orientale.