esteri

Francia: genero ammette implicazione nell'omicidio Helene Pastor

24 Ore Parigi, 27 giu. (Adnkronos) - Il genero di Helene Pastor ha ammesso la sua implicazione nell'assassinio dell'ereditiera monegasca e del suo autista Mohamed Darwich lo scorso 6 maggio a Nizza. Lo riferiscono i media francesi, secondo i quali Wojciech Janowski, console onorario polacco nel principato di Monaco, avrebbe commissionato l'omicidio della suocera per motivi economici. La Pastor aveva infatti cessato di versare l'assegno mensile di 500mila franchi alla figlia Sylvia, moglie di Janowski. Secondo indiscrezioni di stampa, a mettere in contatto il console onorario polacco con gli esecutori materiali dell'omicidio sarebbe stato il suo allenatore sportivo. Inizialmente arrestata, Sylvia Pastor, 54 anni, è stata rilasciata mercoledì sera senza alcuna imputazione.