Sindacato

Contratti: Camusso, utile confronto odierno su rappresentanza

"Confindustria ci ha convocati dopo Bergamo: tra quanto sostenuto ci sono cose utili".
24 Ore Roma, 20 mag. (Labitalia) - E' stato "utile" il confronto odierno tra sindacati confederali e Confindustria sulla rappresentanza. In particolare, "sull'affermazione di oggi, che poi bisognerà tradurre perché oggi non è stata tradotta", sul fatto che "bisogna definire delle regole sulla misurazione della rappresentanza, la certificazione degli iscritti e il mix di questi elementi con il voto delle rsu". E' il leader della Cgil, Susanna Camusso, ad affermarlo, sottolineando che si tratterebbe di "un avanzamento positivo, se in futuro si concretizzasse". Camusso ha tuttavia ribadito che l'opinione di Confindustria sul modello contrattuale "non è condivisa e continua a non esserlo" dalla Cgil. "Confindustria -ha spiegato Camusso interpellata a margine della commemorazione di Massimo D'Antona- ha ritenuto di convocare questo incontro per riferirci della discussione che hanno avuto con gli imprenditori nell'assise di Bergamo. Tra quanto sostenuto -ha affermato- ci sono cose utili, come la valutazione sul fatto che non ci sono allo stato politiche economiche che favoriscono la crescita e la necessità, quindi, di ragionare di investimenti, di come si costruisce l'uscita dalla crisi che il nostro paese in Europa e' tra i pochi che non ha intrapreso: credo che sia utile provare a continuare a ragionare" su questo. Quanto al modello contrattuale, Camusso ha ribadito che Confindustria ha un'opinione non condivisa dalla Cgil. "Quindi indubbiamente -ha detto- ci sono delle distanze nelle valutazioni dell'utilita' del modello separato rispetto alla crescita. Noi riteniamo che non sia stato utile, non e' servito e come Cgil -ha proseguito Camusso- abbiamo aperto una riflessione sul fatto che bisogna trovare una nuova via".