cronaca

G8: Pg Cassazione, prescrizione per Colucci non sarebbe piu' scandalosa di altre

24 Ore Roma, 6 nov. - (Adnkronos) - Deve essere annullata con rinvio la condanna a due anni e otto mesi per falsa testimonianza inflitta a Francesco Colucci, l'ex questore di Genova chiamato come teste nel corso del dibattimento per l'irruzione all'interno della scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001. Lo ha chiesto il sostituto procuratore generale della Cassazione Enrico Deleaye, chiedendo, ai giudici della sesta sezione penale l'annullamento con rinvio della sentenza della Corte d'Appello di Genova del 16 dicembre 2013. La pubblica accusa è ben consapevole che il reato contestasto a Colucci tra quattro giorni si prescrive ma, per dirla con la publbica accusa di Piazza Cavour, "di fronte a prescrizioni più rilevanti, quella di Colucci non è più scandalosa di altre". Sulla decisione della suprema Corte, come è stato rilevato anche dal relatore Guglielmo Leo, pesa anche la decisione della Cassazione del 22 novembre 2011 che aveva completamente assolto dalle accuse l'ex capo della polizia Gianni De Gennaro e Spartaco Mortola. Per il Pg Deleaye sarebbe un pò come "processare un killer senza i mandanti". Il Pg ha sottolineato che "è assolutamente assurdo che si siano giudicati De Gennaro e Mortola e, solo dopo, con comodo, Colucci. Non si può dire che è non stato istigato e che poi c'è stata falsa testimonianza". Per Deleaye la sentenza d'appello va dunque annullata con rinvio perchè "l'acquisizione delle prove è stata irrituale. E' giurisprudenza consolidata che laddove si decide di acquisire elementi è necessario rispettare il principio del contraddittorio al quale non si può mai abdicare".