politica

Governo: Romano (Fi), per Renzi priorità riforme o voto?

24 Ore Roma, 20 nov. (AdnKronos) - ''Apprendiamo che il presidente della commissione Affari Costituzionali del Senato, Anna Finocchiaro, nonché relatrice del ddl Italicum sulla riforma elettorale, non esclude il ricorso a una 'clausola di salvaguardia' per il provvedimento che, nel testo uscito da Montecitorio, riguarda solo il sistema di elezione della Camera. Pareri autorevoli confermano che non si potrebbe promulgare una legge elettorale solo per la Camera prima della eventuale conclusione del percorso di riforma costituzionale che sancisce l’elezione indiretta del Senato''. Lo dice il deputato di Fi, Saverio Romano.''Credo che da un punto di vista politico il premier Renzi -spiega l'azzurro- debba chiaramente dire al Paese, senza ipocrisie e al di la’ di proprie convenienze politiche, in che direzione intende muoversi, ossia se preferisce continuare nel percorso delle riforme utili all’Italia in una congiuntura economica e sociale che peggiora di giorno in giorno o se vuole mescolare le carte e confondere le proprie evidenti responsabilità andando al voto''. ''La disciplina transitoria proposta dalla senatrice Finocchiaro appare con ogni evidenza un escamotage per portarci al voto, prima e a prescindere dalla approvazione della riforma del Senato. Il Paese ha bisogno di serenita’ istituzionale e Renzi è noto per saperla promettere e non mantenere''.