economia

Formazione: Unioncamere, più alternanza scuola- lavoro

24 Ore Verona, 20 nov. (AdnKronos) - Mancanza di crescita e alto tasso di disoccupazione: naturale che in un tale scenario si registri un calo delle cosiddette “assunzioni difficili” previste nel 2014. Anche in questo 2014 così pesante per il mercato del lavoro, però, le imprese delle industrie e dei servizi segnalano qualche difficoltà nell’individuare i candidati giusti per alcuni profili cercati: più precisamente per 61mila dei 613mila inserimenti in organico preventivati (erano 63.150 nel 2013). Il dato corrisponde al 10% delle assunzioni complessive (stagionali e non) previste nell’anno (1,2 punti percentuali in meno rispetto al 2013 e circa un terzo di quanto rilevato negli anni pre-crisi). Una tendenza che si ripropone anche quest’anno nonostante il recupero sul fronte delle assunzioni (stagionali e non stagionali previste nel 2013 erano 50mila in meno rispetto al 2014). È quanto emerge dalla “mappa del lavoro” disegnata dal Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro, e presentata in anteprima a Job&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, apertosi oggi alla fiera di Verona, che partendo dai dati relativi alle previsioni di assunzioni delle aziende ci dice quali sono le figure professionali ricercate e quali, dunque, i titoli di studio più spendibili.