fatti-del-giorno

Notizie Flash: 3/a edizione - Lo sport (7)

24 Ore (AdnKronos) - Barcellona. "Messi ha sempre assicurato che vuole chiudere la sua carriera nel Barcellona. Ma nel calcio non puoi prevedere precisamente quello che farai da qui a sei anni. Quindi quello che ha detto Leo è la verità, è ciò che pensiamo tutti noi giocatori". Lo ha detto l'argentino Javier Mascherano, commentando le dichiarazioni di Messi al giornale 'Olé'. La 'Pulce' aveva destato grande preoccupazione a Barcellona con le sue parole. "Ho ripetuto sempre che vorrei chiudere qui ma a volte le cose vanno diversamente da come vorremmo", aveva dichiarato Messi. Mascherano, che è uno dei compagni più vicini al fuoriclasse azulgrana, ha difeso anche il lavoro di Messi in nazionale, nonostante le prestazioni poco brillanti del campione argentino nelle ultime amichevoli. "Leo ha vinto la battaglia con l'Argentina. E' stato criticato ingiustamente e ha vinto questa battaglia con il lavoro e l'abnegazione. Sta vivendo un ottimo momento sia a livello personale sia lavorativo", ha proseguito Mascherano. Per il centrocampista del Barcellona "è impossibile criticare uno dei migliori giocatori della storia". Secondo Mascherano, Messi "è un calciatore straordinario, soprattutto perché si è sempre comportato in modo professionale". Il Barcellona nella Liga si trova a due punti dal Real Madrid. "Dobbiamo migliorare", ha commentato Mascherano. "Se non possiamo raggiungere il livello del Barcellona degli ultimi anni, cercheremo almeno di avvicinarlo il più possibile. Faremo del nostro meglio per essere quanto più vicini alla qualità espressa dal Barcellona nel suo momento migliore", ha assicurato Mascherano. Il centrocampista azulgrana ha confermato che non ha intenzione di lasciare l'Argentina, anche se "la nuova generazione è molto forte e ci sono forze nuove per proseguire nel cammino". "Non ho deciso di ritirarmi dalla nazionale. Mi hanno già chiesto se dopo la finale di Rio ne avessi parlato con Messi e posso confermare che con Leo parlo di questo e di un altro milione di cose", ha affermato il trentenne nativo di San Lorenzo. "Lasciare la nazionale non è una decisione facile, non lo si decide dalla sera alla mattina. Bisogna essere molto sicuri, è una scelta dalla quale non si può più tornare indietro", ha concluso Mascherano.