sostenibilita

Dai servizi cimiteriali nei boschi al miele, sono le ReStartApp dell'Appennino

24 Ore Roma, 26 gen. (AdnKronos) - Dai servizi cimiteriali e forestali integrati al miele bio dell'Appennino, dall'allevamento di pecore alle tinte naturali per i tessuti: la Fondazione Edoardo Garrone ha premiato a Milano i sei progetti imprenditoriali vincitori della seconda edizione di ReStartApp, incubatore d’impresa per il rilancio dell’economia appenninica, che si è svolto nell’estate 2015, con due campus a Grondona (Alessandria) e Portico di Romagna (Forlì Cesena). Si sono aggiudicati i premi, per un valore complessivo di 120mila euro, i tre migliori progetti per ciascun campus. Al primo posto 'Caratteri Fusi' di Antonio Fruci (34 anni, L’Aquila), che si propone di realizzare una linea di merchandising legata alle identità e alle tradizioni delle comunità appenniniche, e 'Boschi Vivi' di Anselma Lovens (28 anni, Genova), organizzazione non profit che offre servizi cimiteriali e forestali integrati, con l’interramento delle ceneri in aree boschive, nel rispetto della persona, del territorio e della natura. Si sono aggiudicati il secondo premio l'Azienda Agricola Le Cornelle di Giuliano Gabrini (25 anni, Reggio Emilia), basata sull’allevamento delle pecore di razza Cornella Bianca, specie tipica della provincia di Reggio Emilia e considerata a rischio di estinzione, e 'La Cantina del Miele' di Mattia Camuffo (26 anni, Arquata Scrivia), per valorizzare i mieli dell’Appennino in modo sostenibile e biologico, offrendo un’ampia gamma di prodotti derivati.Terzi classificati 'Color Off' di Sandra Quarantini (35 anni, Brescia), azienda multifunzionale sostenibile, nel cuore dell’Appennino Bolognese, destinata alla produzione di estratti di colori vegetali per il tessile, e 'Alternaturae' di Michela Bunino (30 anni, Torre Pellice), che si propone di creare un’azienda agricola multifunzionale in Molise, per la produzione di pane e prodotti da forno, birra artigianale e uova, con un sistema a ciclo chiuso. "Da quando abbiamo avviato ReStartApp, nel 2014, abbiamo affiancato 45 giovani nell’elaborazione delle proprie idee imprenditoriali. Consapevoli di quanto sia difficile avviare un’impresa e farla sopravvivere, continueremo a seguire i più meritevoli ancora per un anno, con un servizio di consulenza a 360°, per supportarli concretamente nella delicata fase di costituzione e di avvio della start up", spiega Alessandro Garrone, presidente della Fondazione Edoardo Garrone.Non solo. Dalla partnership con Fondazione Cariplo nasce ReStartAlp, l’incubatore d’impresa che ha l’obiettivo di favorire la nascita di nuove imprese sul territorio alpino. Il progetto è dedicato a giovani under 35 che abbiano un’idea imprenditoriale o una start up nelle filiere tipiche delle Alpi, in particolare agricoltura, gestione forestale, allevamento e agroalimentare, turismo, artigianato e cultura. Il Campus residenziale gratuito, della durata di 10 settimane, si svolgerà dal 20 giugno al 30 settembre 2016 (con una pausa intermedia dal 23 luglio al 28 agosto) a Premia nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, nelle Alpi Nord-Occidentali. Per iscriversi c’è tempo fino a venerdì 8 aprile 2016: 15 i posti disponibili. "Tra i settori più promettenti l’agricoltura e le altre filiere della montagna rappresentano oggi una delle più interessanti opportunità di realizzazione professionale e di vita per i giovani - spiega Sergio Urbani, segretario generale della Fondazione Cariplo - Cogliere questa opportunità crea occupazione e contribuisce a contrastare lo spopolamento, il degrado del paesaggio, il rischio idrogeologico, la perdita della biodiversità e delle tradizioni culturali locali".