economia

Eni: sindacati, vertenza non si ferma, proclamati nuovi scioperi locali

24 Ore Roma, 8 mar. (AdnKronos) - Continua senza sosta la mobilitazione nei confronti del Gruppo Eni e a sostegno del rilancio di Saipem. Infatti, dopo tre scioperi nazionali nel giro di pochi mesi e la grande manifestazione a Roma del 19 febbraio scorso, non si ferma la lotta dei sindacati Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil per contrastare la cessione di Versalis, il “braccio chimico” di Eni, al fondo di investimenti americano “SK Capital”, una delle “operazioni industriali – dicono le tre sigle sindacali – più oscure e incomprensibili degli ultimi anni, sia nella chimica che nell'intera filiera energetica nazionale del Gruppo Eni”. Il silenzio del Governo e di Eni si è fatto via via sempre più imbarazzante, sottolineano le tre sigle, e i sindacati premono per avere garanzie sul futuro dell'occupazione e delle professionalità espresse dai lavoratori di Eni e Saipem. “Sono già state programmate quattro ore di sciopero a livello locale – annunciano i segretari generali Emilio Miceli, Angelo Colombini, Paolo Pirani in una lettera inviate alle proprie strutture – con manifestazioni il 12, 18 e 19 marzo, rispettivamente a Siracusa, Cagliari e Ferrara”. Non è esclusa una nuova grande manifestazione a Roma con urgente richiesta di incontro direttamente alla Presidenza del Consiglio dei ministri.