politica

M5S: Artini torna su 'Watergate' grillina, ecco mia verità

24 Ore Roma, 8 mar. (AdnKronos) - Massimo Artini, ex parlamentare M5S ora al gruppo Misto della Camera, torna sulla cosiddetta 'Watergate grillina' con un lungo post sul suo blog dove torna sulla vicenda che lo ha visto finire nel mirino dei vertici 5 Stelle. Artini, all'epoca considerato l''informatico' del gruppo, venne accusato di una non corretta gestione del server dei parlamentari, accusa che gli viene mossa tutt'oggi dai 5 Stelle. Il deputato, oggi nella componente Alternativa libera, scrive una "cronistoria delle vicende che hanno riguardato il server parlamentari5stelle.it", spiegando che il suo non è nient'altro che "un piccolo contributo per fare chiarezza, visto che il Movimento nato facendo della trasparenza la sua stella polare pare aver perso per strada questo valore".Artini racconta, nello specifico, che fu l’assemblea dei parlamentari 5 Stelle a deliberare "che il gruppo di lavoro informatico si occupasse di reperire un tecnico informatico, dipendente del Gruppo Camera del MoVimento 5 Stelle, premurandosi che tale soggetto fosse ed al di fuori delle regole di comunicazione imposte dal codice etico. In modo che tale soggetto riferisse direttamente ai deputati e non alla Casaleggio".