politica

Mutui: Grillo, dietrofront governo non basta, #RitirateIlDecreto

24 Ore (AdnKronos) - Sui mutui e il decreto che recepisce le direttiva Ue "il dietrofront del governo non basta, #RitirateIlDecreto". Lo scrive sul suo blog Beppe Grillo, in un duro post contro la misura da sempre osteggiata dai 5 Stelle. "Il governo -secondo il leader M5S- ha visto che si stava andando a schiantare e ha messo la retromarcia. Non più sole sette rate - non consecutive - non pagate per dire addio alla propria casa e metterla nelle mani della banca, ma 18: quasi tre volte tanto. E non c’è più la retroattività del provvedimento per chi il contratto di mutuo lo ha già siglato. Tutto ciò -rivendica Grillo- è solo ed esclusivo merito del MoVimento 5 Stelle che ha fatto sentire la vostra voce in commissione, in aula e anche per strada, sotto il ministero dell’Economia e delle finanze, per fermare l’ennesima porcata a favore delle banche in cui ci rimettono solo i cittadini. E ci rimettono uno degli elementi più essenziali della vita: la casa. E sono ben 240mila le famiglie in difficoltà col proprio mutuo". "Parliamo del decreto del governo che recepisce la direttiva europea, ma che lo fa nel più puro 'Bomba-style'. Perché nella famosa direttiva - rimarca Grillo- vi sono anche indicazioni a favore dei cittadini, dei contraenti dei mutui, ma quelle parti lì il governo non le ha viste, non se n’è accorto, o meglio, non se n’è interessato. Mentre le altre, quelle a favore della banche, non solo le ha recepite ma le ha anche aggravate a sfavore dei cittadini-consumatori".