cronaca

Migranti: Dambruoso vede Kerry Kennedy, salvaguardare diritti umani

24 Ore Roma, 9 mar. (AdnKronos) - “Oggi i temi riguardanti l’immigrazione irregolare, le politiche degli ingressi, l’accoglienza dei rifugiati, l’accesso alla cittadinanza, sono all’ordine del giorno di governi, forze politiche e opinione pubblica. Pertanto, il pieno riconoscimento dei diritti umani, anche nei confronti dei soggetti migranti, può acquistare legittimazione e voce mediante diverse forme di concessione degli stessi. I muri, le chiusure, le barriere non servono. La giustizia sociale consiste nella predisposizione di buone pratiche ed attori che si impegnino nella difesa dei diritti di tutti”. Lo ha affermato Stefano Dambruoso, di Scelta civica, Questore della Camera, ricevendo oggi a Montecitorio Kerry Kennedy, figlia di Robert e nipote di John Kennedy, fondatrice del “Robert F. Kennedy Center for justice and human rights”, in visita in Italia per promuoverne le attività. “Come per l’immigrazione irregolare, anche in relazione all’attuale emergenza terroristica, è opportuno adottare strumenti di intervento idonei a contrastarne la minaccia nella piena salvaguardia dei diritti umani, onde evitare che, nel breve periodo, si finisca col favorire la radicalizzazione di quelli che diventeranno reclutabili da organizzazioni terroristiche”, ha aggiunto Dambruoso.