politica

Rai: Anzaldi (Pd), denuncia Grasso esige risposte, subito audit interno

24 Ore Roma, 7 apr. (AdnKronos) - “La denuncia del presidente del Senato Pietro Grasso, in passato uno dei magistrati simbolo in prima linea nella lotta alla mafia, esige risposte immediate e concrete, non può essere lasciata cadere così. La Rai avvii immediatamente un audit interno, verifichi perché la liberatoria al figlio del boss Riina è stata fatta firmare solo dopo l’intervista, a differenza di quello che accade di solito e che è accaduto con Grasso, e si presenti mercoledì prossimo in Vigilanza con i risultati dell’indagine interna, compresi i nomi dei responsabili”. E’ quanto dichiara il deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.“Nella lunga audizione in Antimafia – spiega Anzaldi – né il dg Campo Dall’Orto né la presidente Maggioni sono stati in grado di spiegare perché sia stata seguita questa procedura che appare insolita: Riina jr non ha accettato di firmare preventivamente la liberatoria, ma l’ha fatto solo successivamente, come se attendesse di verificare che l’intervista fosse stata di suo gradimento. Peraltro si trattava di una semplice intervista sui contenuti del suo libro. Un altro duro colpo alla credibilità di un’intervista che ha indignato e indigna familiari delle vittime, istituzioni, cittadini. Come ha spiegato il direttore generale, l’intervista ha ricevuto il via libera del direttore editoriale Carlo Verdelli. A questo punto, però, è necessario che sia fatta massima chiarezza: Grasso è stato uno dei protagonisti del maxiprocesso, ha ricevuto le minacce di Cosa Nostra, è la seconda carica dello Stato, la sua denuncia non può quindi rimanere inevasa”.