economia

Turismo: Bandiere Blu, il Veneto conferma le sue 8 spiagge eco-sostenibili

24 Ore Venezia, 11 mag. (AdnKronos) - Località balneari attrezzate, ma anche spartane, luoghi incontaminati per il turista che predilige la natura e full optional per chi cerca le comodità, è questa l’offerta che contraddistingue le spiagge venete tanto da classificarsi tra le prime dieci regioni d’Italia per numero di bandiere blu. L’aumento in generale di questo riconoscimento spinge le preferenze degli stranieri per il Bel Paese assicurando un’ ulteriore crescita dopo aver speso oltre 35,7 miliardi di euro nel 2015. E’ quanto afferma la Coldiretti su dati del Ciset di Ca' Foscari nel commentare i risultati della XXX edizione della Bandiera Blu 2016, il premio internazionale assegnato dalla Foundation for Environmental Education (Fee), che valorizza la qualita' delle acque di balneazione, ma anche il turismo sostenibile, l'attenta gestione dei rifiuti e la valorizzazione delle aree naturalistiche. Sale la Liguria la Liguria con 25 località premiate e due nuovi ingressi (Cerviale e Levanto), davanti a Toscana (19 e un nuovo ingresso, Massa) e Marche (17). La Campania conferma 14 bandiere con un nuovo ingresso (San Mauro Cilento) e un'uscita; stessa sorte per la Puglia, con 11 bandiere, un nuovo ingresso (Carovigno) e un'uscita. L'Abruzzo, con tre uscite e una new entry (Silvi) scende a quota 6 bandiere, L'Emilia Romagna ne perde due e scende a 7. Il Veneto e il Lazio confermano le stesse 8 bandiere dell'anno scorso; la Sardegna è presente con 11 località avendone acquistate tre (Badesi, Sassari e Teulada), e la Sicilia raggiunge le 6 bandiere con una nuova entrata (Marina di Ragusa).Ancora, la Calabria arriva a 5 bandiere con un nuovo ingresso (Praia a Mare), il Molise conferma le 3 bandiere dell'anno scorso e il Friuli Venezia Giulia le 2 del 2015. La Basilicata raddoppia e grazie all'ingresso di Policoro arriva a 2.