cronaca

Dal biometano possibili 15mila nuovi green jobs

24 Ore Milano, 11 mag. - (AdnKronos) - "Sul biometano occorre rompere gli indugi e dare piena attuazione a una normativa che è già entrata in vigore nel 2013 ,ma che di fatto resta ancora lettera morta. Rischiamo, con ulteriori ritardi, di compromettere innumerevoli vantaggi per l’agricoltura, l’ambiente, l’industria, derivanti da un settore che è secondo al mondo solo a Germania e Cina. Tali vantaggi possono misurarsi con la prospettiva di una copertura di almeno il 10-12% del fabbisogno nazionale di gas naturale e di 15 mila nuovi green job". L’appello arriva congiuntamente da Cib (Consorzio Italiano Biogas), Legambiente e Free, il Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica, alla vigilia della IX edizione del Festival dell’Energia di Milano. In questo contesto, le tre associazioni saranno infatti protagoniste di un dibattito sulla sostenibilità come opportunità per l’ambiente e l’economia che si terrà venerdì 13 maggio alla Fondazione Riccardo Catella. Il biometano è il biocarburante made in Italy “avanzato”, cioè non in competizione con le colture alimentari, con i più alti standard di sostenibilità ed efficienza. Si ottiene da un processo di upgrading del biogas, e può essere utilizzato nell’autotrasporto oppure immesso nella rete nazionale del gas, per il riscaldamento o per cucinare. È stato autorizzato a fine 2013, ma, sottolineando Cib, Legambiente e Free, la mancanza di alcuni aspetti regolatori ne impediscono la piena attuazione, in particolare per le norme che riguardano l’immissione nella rete nazionale del gas. Secondo le stime del Consorzio Italiano Biogas, indicate in un manifesto di sostegno sottoscritto recentemente anche da Snam e Confagricoltura, l’Italia potrebbe arrivare a produrne 8 miliardi di metri cubi annui entro il 2030. L’attuale consumo annuo di gas naturale è di circa 67 miliardi."Siamo a un punto di svolta, alla vigilia di un passaggio fondamentale quello che potrebbe portarci alla produzione di biometano, il biocarburante di seconda generazione made in Italy e a km 0" afferma Piero Gattoni, presidente del Cib. Il biometano, spiega Gattoni, "è la risorsa energetica più vitale che abbiamo a disposizione anche perché può innescare una vera e propria rivoluzione agricola, rendendo l’agricoltura italiana più sostenibile e più competitiva, capace di diminuire gli sprechi, di aumentare la resa e la fertilità dei terreni, nonché di intraprendere un percorso di decarbonizzazione secondo i principi del Biogasfattobene"."La valorizzazione dei residui dell’agricoltura, dei rifiuti organici, delle discariche rappresenta il vero grande giacimento energetico italiano”, dichiara Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente. “Dopo l’approvazione lungamente attesa del codice di rete Snam che ha sbloccato il conferimento nella rete, il governo deve intervenire al più presto per risolvere gli ulteriori vincoli normativi e dare finalmente impulso a una filiera che da un virtuoso e corretto utilizzo dei sottoprodotti agro-industriali, dei reflui della zootecnia e delle colture di integrazione, contribuisce a un modello economico circolare e integrato nei territori, che riduce la dipendenza dalle fonti fossili"."In nessun altro contesto – conclude G.B. Zorzoli, presidente di Free – è possibile riscontrare una versatilità così ampia: il biogas fatto bene rilancia l’agricoltura, migliorandone la redditività, contrasta il riscaldamento globale, sequestrando nel suolo più CO2 di quanta ne produce, e contribuisce a un consumo più verde di gas naturale. Lo sviluppo del biogas in agricoltura ha riguardato finora prevalentemente il nord del paese, quindi rappresenta anche un’occasione di rilancio del Mezzogiorno".