cronaca

Calcio: aggredito davanti ai figli durante Inter-Fiorentina, un arresto

24 Ore Milano, 21 ago. (AdnKronos) - Arresto per lesioni ieri, domenica 20 agosto, allo stadio Meazza a Milano durante il match tra Inter e Fiorentina, prima giornata del campionato di calcio di serie A. Per il 19enne arrestato è scattato anche il Daspo. Nel corso del primo tempo, intorno alle ore 20.50 un tifoso interista di 40 anni, mentre si trovava con la moglie e i due figli minori al secondo anello verde, è stato aggredito da un tifoso della curva nerazzurra. In particolare la vittima, insieme ad altri spettatori posizionati una decina di file sopra la balaustra dove si trovava l'aggressore, aveva chiesto agli ultras di abbassare una bandiera di grandi dimensioni che ostruiva la vista. Per reazione il tifoso interista ha raggiunto la vittima, insieme ad altre persone al momento rimaste ignote, e, dopo averla insultata, l'ha colpita con diversi pugni al volto. Nel trambusto che si è venuto a creare la figlia della vittima, di 10 anni, è rimasta contusa e ha riportato una contusione al ginocchio sinistro, giudicata guaribile in dieci giorni. Il padre, medicato nell'ambulatorio dello stadio, ha riportato contusioni alla testa con prognosi di 12 giorni. La famiglia è stata subito aiutata dagli steward a uscire dal settore e accompagnata al posto di Polizia dello stadio, dove, dopo le prime cure, in base alle denuncia e alle immagini del sistema di videosorveglianza, i poliziotti della Digos, mentre la partita era ancora in corso, hanno bloccato l'aggressore M.F., 19enne della provincia di Milano, che si trovava nel secondo settore anello verde vicino alla balaustra e lo hanno arrestato per lesioni personali aggravate, perché commesse in occasione di manifestazione sportiva.