economia

Governo: Ascom Padova, il prossimo affronti costo lavoro, e giornate chiusura (2)

24 Ore (AdnKronos) - (Adnkronos) - "Richiesta numero tre. Equilibrio - conclude il presidente dell'Ascom Confcommercio di Padova - deve essere la parola d'ordine del nostro futuro. Quando chiediamo sei giorni di festa l'anno coi negozi chiusi non chiediamo di bloccare il progresso (come vorrebbero far credere i guru della grande distribuzione) nè di limitare il Pil (che, nonostante tutte le domeniche aperte, non si è mosso, se guardiamo al commercio, nemmeno di un decimale). Chiediamo solo di offrire ai dipendenti ma anche ai titolari (nelle piccole imprese a gestione familiare non c'è differenza quando si tratta di sacrificare la domenica) una giusta pausa che, in assenza di regole, non è possibile perchè i grandi impongono tempi e modi di lavoro che non vanno d'accordo nè col reddito nè con la famiglia"."Dunque, tre provvedimenti per realizzare sviluppo "dal basso". Tre provvedimenti - conclude Bertin - che il nuovo governo, qualsiasi nuovo governo, deve poter varare nella convinzione che puntare sul lavoro "di qualità" sia la chiave di volta per ridare a questo Paese una prospettiva di sviluppo che non sia legata al "low cost" che, troppo spesso, si traduce in precarietà se non addirittura in sfruttamento".