salute

Vaccini: la polemica, da Trump 20 tweet a sostegno causa 'no vax'

24 Ore Roma, 7 mag. (AdnKronos Salute) - Il presidente americano Donald Trump 'sotto accusa' per aver dato un forte impulso alla causa degli anti-vax, oltreoceano e non solo. In oltre 20 occasioni, infatti, il magnate ha pubblicato dei 'tweet' dal suo account ufficiale evidenziando che esiste un legame tra vaccini e autismo. Inoltre, durante la campagna elettorale - ricorda l'Independent on line - ha incontrato quattro importanti attivisti anti-vax a una raccolta fondi in Florida. Si tratta del medico inglese Andrew Wakefield, autore di un controverso studio sul legame vaccini-autismo poi ritirato dalla pubblicazione; di Mark Blaxill, redattore del sito 'Age of Autism'; di Gary Kompothecras, un chiropratico, e di Jennifer Larson, imprenditrice che ha promosso campagne contro l'uso dei vaccini in Minnesota.I Centers for Disease Control, l'organizzazione sanitaria pubblica del Paese e parte del dipartimento Salute e servizi umani incoraggiano fortemente i genitori a vaccinare i propri figli. E alla domanda se esista qualche prova a sostegno del fatto che Trump appoggi l'esistenza di un legame tra autismo e vaccini, il dipartimento comunicazione dei Cdc dichiara: "Credibili prove scientifiche dimostrano che i vaccini sono molto sicuri e non causano disturbi dello spettro autistico. I Cdc, la Food and Drug Administration e il comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione riesaminano regolarmente i dati per garantire che le raccomandazioni sui vaccini siano basate sulle ultime scienze disponibili per fornire una protezione sicura ed efficace contro malattie gravi. I genitori possono essere rassicurati dal fatto che i vaccini raccomandati per l'infanzia hanno un elevato livello di sicurezza. Il mantenimento di livelli elevati di vaccinazione è importante non solo per la singola persona, ma anche per proteggere i più vulnerabili tra noi, come i pazienti con sistema immunitario indebolito e i neonati che sono troppo piccoli per essere vaccinati".