salute

Sanità: 1 adulto su 3 dorme male, mld in fumo tra cure e mancata produttività

24 Ore Roma, 4 giu. (AdnKronos Salute) - Mail che arrivano ad ogni ora del giorno e della notte, chat inesauribili, tv accesa in camera da letto, turni serali e jet lag. Più di un adulto su tre in tutto il mondo si trova a fare i conti con problemi di sonno. Ebbene, secondo un nuovo studio pubblicato su 'Sleep', il sonno insufficiente provoca problemi di salute, ma anche importanti costi economici. Sondaggi recenti suggeriscono che il problema è in aumento: tra il 33 e il 45% degli adulti in Australia avrebbe problemi di sonno. Un'epidemia che si registra un po' in tutti i Paesi avanzati: circa il 35% degli adulti statunitensi non totalizza le 7 ore di sonno raccomandate per notte. Il 30% dei canadesi ammette di non dormire abbastanza, come pure il 37% degli abitanti del Regno Unito, il 28% di quelli di Singapore e il 26% dei francesi. Il sonno insufficiente è associato a calo di attenzione e incapacità di rimanere concentrati; motivazione ridotta; risoluzione dei problemi compromessa; confusione, irritabilità e vuoti di memoria; comunicazione compromessa; elaborazione e giudizio delle informazioni rallentati o difettosi; diminuzione dei tempi di reazione; indifferenza e perdita di empatia. Inoltre, dormire poco e male aumenta il rischio di attacchi di cuore, ictus, ipertensione, obesità, diabete e depressione.Nel nuovo studio pubblicato da Oxford University Press, i ricercatori hanno tentato di misurare le conseguenze economiche della mancanza di sonno in Australia, sulla base di indagini e database nazionali. Ebbene, secondo il team il costo finanziario sarebbe pari a 17,88 miliardi di dollari, comprendente costi sanitari diretti (160 milioni di dollari per disturbi del sonno e 1,08 miliardi per le condizioni associate), perdite di produttività (12,19 miliardi di dollari tra perdita di posti di lavoro, morti premature, assenteismo, lavoratori che si presentano ma non svolgono efficacemente il proprio lavoro) e altre spese. Il costo non finanziario, legato a una riduzione del benessere, sarebbe pari a 27,33 miliardi. Pertanto, il costo complessivo del sonno inadeguato, solo in Australia nel 2016-17 (popolazione: 24,8 milioni), sarebbe stato pari a 45,21 miliardi di dollari, sintetizzano gli autori. "Siamo nel mezzo di un'epidemia mondiale di sonno inadeguato", concludono i ricercatori, sottolineando l'importanza di informare la popolazione sui rimedi e i benefici legati a un buon sonno. Per la salute e per l'economia.