cronaca

Migranti: Fp Cgil, servizi per welfare e assistenza, no politiche securitarie

24 Ore Roma, 4 giu. (AdnKronos) - "Realizzare reti diffuse nei territori e integrate di servizi a disposizione del welfare e dell'accoglienza, piuttosto che proseguire con politiche securitarie. Questa la via per affrontare la questione immigrazione ed evitare, come le ultime ore dimostrano, che si alimentino fenomeni di arretramento culturale e di recrudescenza di xenofobia e razzismo". Ad affermarlo in una nota è la Funzione Pubblica Cgil in merito al dibattito che in queste ore si è sviluppato sulla questione immigrazione attraverso le parole del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini.La Fp Cgil, che rappresenta lavoratrici e lavoratori impegnati nei servizi investiti dal fenomeno migratorio, dall'accoglienza, alla concessione dello status di rifugiato, al rilascio dei permessi di soggiorno, ritiene che "per dare risposte di civiltà sia necessario che l'accoglienza e la gestione delle richieste di asilo abbiano un attenzione specifica da parte del governo e vengano rafforzati i servizi all'immigrazione in modo da riconsegnare valore umano alle tante persone che chiedono solo di vivere una vita degna". Così come deve essere affermato "il carattere pubblico dei soggetti e delle istituzioni che debbono intervenire nella definizione dei servizi e nelle decisioni strategiche che riguardano sia i servizi che le politiche per i migranti e i richiedenti asilo".