politica

Ue: Martina, contro Salvini e Orban unire forze progressiste

24 Ore Roma, 25 giu. (AdnKronos) - “In vista delle elezioni europee, il Partito Democratico deve svolgere il proprio ruolo ‘federatore’ delle forze progressiste, ambientaliste, civiche, liberali e democratiche per un’Europa più equa, più giusta, più forte”. Così il segretario reggente del Partito democratico, Maurizio Martina, in un intervento su Il Corriere della Sera.“Alle derive nazionaliste - prosegue - dobbiamo contrapporre l’alternativa di un nuovo progetto sociale prima che politico coalizzando un fronte che sappia unire i Socialisti e Democratici alle forze che vogliono condurre insieme questo impegno. La nostra sfida è quella di fare convergere la socialdemocrazia rinnovata di Pedro Sanchez in Spagna e Antonio Costa in Portogallo con le esperienze riformiste di Alexis Tsipras in Grecia e di Emmanuel Macron in Francia, coinvolgendo anche il mondo ambientalista e a quei liberali rimasti coerenti al progetto d’integrazione europeo. Se Salvini e Di Maio hanno scelto di sostenere le pericolose derive di Orban, Kaczyński e Kurz, è nostro dovere invece unire le forze progressiste ed europeiste per battere i nazionalismi, cambiare l’orizzonte, e difendere così il futuro dei nostri figli. Non c’è più tempo da perdere”.