politica

Pd: Bettini, basta con ambiguità Renzi, Minniti resta punto forza dem

24 Ore Roma, 6 dic. (AdnKronos) - "La decisione di Minniti di rinunciare alla candidatura determina una situazione ulteriormente grave e difficile nel Partito Democratico. E toglie dalla competizione una personalità di grande prestigio e con una lunga storia radicata nella sinistra italiana. Minniti con spirito unitario, oltre a se stesso, rappresentava il punto di riferimento di una aria ampia di militanti ed elettori del Pd legati all’esperienza di Matteo Renzi". Lo scrive su Fb, Goffredo Bettini, eurodeputato del Pd e membro della direzione nazionale."Le ambiguità, le piroette e le furbizie dell’ex premier hanno creato tanta confusione da fare venire meno le elementari regole di lealtà e responsabilità nella sfida di Minniti per la segreteria nazionale del partito. Questo continuo stare dentro e fuori il partito, da parte di Renzi, ha impedito fino ad ora uno schietto confronto tra linee politiche e programmatiche diverse. Ha impedito una libera ricerca delle ragioni delle nostre sconfitte e delle vie per ricostruire una speranza. Ora basta". "Il congresso ha tutte le condizioni per essere svolto con la serenità necessaria e dando il senso, che fin da ora, opera un gruppo dirigente, che pur discutendo, ha pienamente coscienza dello sfascio democratico e politico che stiamo attraversando e della fragilità dei progressisti italiani di fronte ad esso. Minniti resta e resterà un punto di forza del nostro partito, tanto più oggi dopo aver compiuto un atto disinteressato, coraggioso e sincero".