economia

Ucina: "Proficuo incontro con ministro Centinaio"

24 Ore Roma, 7 dic. (AdnKronos) - E' stato un "incontro proficuo" quello che Ucina ha avuto ieri con il ministro dell'Agricoltura e del Turismo, Gian Marco Centinaio, nell'ambito dell'iniziativa "Turismo internazionale e le prospettive per l'Italia", organizzato da Federturismo Confindustria. Sono stati affrontati, riferisce Ucina Confindustria Nautica in una nota, sia il tema dell'esclusione delle concessioni-contratto della portualità turistica dall'applicazione della Direttiva Servizi (2006/123/CE), nota come Bolkestein, pur mantenendo le forme di una evidenza pubblica, sia quello del superamento del decennale contenzioso sui canoni dei porti turistici. L'estensione della normativa sulle concessioni turistico-ricreative (spiagge) anche alle concessioni della portualità turistica ¬ approvata dal Governo Prodi con la Finanziaria 2007 - ha comportato una modifica unilaterale delle concessioni-contratto di queste ultime da parte dello Stato, con aumenti dei canoni demaniali fino al 500%. Da dieci anni le imprese in contenzioso contro la disposizione che applica retroattivamente gli aumenti, facendo saltare i piani economico-finanziari approvati dallo stesso Stato al momento del rilascio della concessione. Ucina, prosegue l'associazione, "si sta battendo perché in sede di Legge di bilancio sia accolto normativamente il pronunciamento della Corte Costituzionale, che ha riconosciuto che devono tenersi ben distinti i casi in cui il privato abbia realizzato a sue spese le infrastrutture, che al termine della concessione entrano nel patrimonio dello Stato, da quelli in cui tali infrastrutture siano già pubbliche e siano solo date in gestione". L'Associazione "esprime soddisfazione per la sensibilità mostrata dal ministro Centinaio, che ha piena conoscenza delle questioni è del cui fattivo contributo è certa. L'occasione è stata anche utile per sensibilizzare il massimo vertice del turismo sulle conseguenze disastrose della tempesta che ha colpito specialmente la costa ligure il 29 ottobre scorso".