politica

Caso Diciotti: rabbia base per Rousseau in tilt, 'meglio carta penna e clava'/Adnkronos

24 Ore Roma, 18 feb. (AdnKronos) - Nervosismo nei vertici M5S, dove non sono mancati i contrasti per la decisione di sondare la base sul caso Diciotti, ma anche tra gli attivisti chiamati ad esprimere il proprio voto. I problemi tecnici sulla piattaforma Rousseau fanno perdere le staffe a più di un militante, dando vita a veri e propri battibecchi al vetriolo sul blog delle Stelle. Diversi attivisti danno letteralmente in escandescenze perché impossibiliti a votare, alcuni chiedono consigli: "non riesco, come c..o devo fare?". "La prossima volta gazebo, carta e penna e già che ci siamo pure la clava - ironizza noxmaux - una mattinata per votare e non ci sono riuscito. Rinuncio"."Non volete che voti? Me ne farò una ragione", scrive Giovanni, mentre qualcuno dispensa consigli tecnici: "Provate a disinstallare e reinstallare il vostro browser senza estensioni e a disattivare firewall e antivirus e riavviate il computer". Non manca poi chi teme un sabotaggio in corso. "Ho il sospetto -scrive Ferdinando - che il sito sia stato hackerato. Dopo mezz’ora di tentativi sono entrato nel sito senza sms di conferma; cosa molto strana. Ancora più strano che votando ritornava più volte alla domanda iniziale invece di confermare il voto. Sono rientrato dopo un’ora e mi diceva hai già votato: senza conferma? Annullate la votazione e fatela rifare nei prossimi giorni - propone ignorando che la Giunta per le immunità si pronuncerà domani - Io comunque ho votato SI". "Sì ancora gli hacker di questa cippa! - risponde un altro attivista, Many - Bastava decidere di inviare email con posta certificata con voto e poi fare un riscontro! Bastava introdurre un metodo di riscontro del voto che rimanesse nella posta elettronica del votante! Invece tutto molto confuso e mal funzionante! Ma si sa, ci sono gli hacker...".