cronaca

Lombardia: Corte Conti sequestra un milione di euro a Marco Milanese

24 Ore Milano, 27 feb. (AdnKronos) - È stato autorizzato e confermato dalla Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Lombardia il sequestro conservativo chiesto dalla procura regionale per un milione di euro nei confronti dell’ex deputato e consigliere politico del ministro Giulio Tremonti, Marco Mario Milanese. La fattispecie di danno erariale contestata "deriva dalle condotte giudicate in sede penale per il reato di traffico di influenze illecite, sul quale la Cassazione ha dichiarato la prescrizione, ma ha confermato le statuizioni civili". Dagli atti del procedimento penale è emerso che Milanese, nella qualità in particolare di consigliere politico del ministro "ha ricevuto da Giovanni Mazzacurati (presidente del Consorzio Venezia Nuova) la somma di 500.000 euro erogata in suo favore nella qualità di intermediario qualificato, in grado di agevolare e fare ottenere al Consorzio la concessione di finanziamenti inseriti della delibera Cipe n. 31/10 e nei decreti collegati". Tale condotta "risulta particolarmente lesiva del prestigio e della credibilità dell’amministrazione finanziaria, in quanto idonea a minare alla radice l’integrità funzionale dell’intero apparato riconducibile ai parametri costituzionali del buon andamento e dell’imparzialità di cui all’articolo 97 della Costituzione, a vantaggio di interessi personalistici", secondo la Corte dei Conti. "Il grave danno pubblico, qualificato come danno all’immagine in applicazione della disciplina contenuta nella legislazione anticorruzione che consente la quantificazione nella misura doppia dell’utilità illecitamente conseguita dall’autore della condotta, è stato contestato e garantito dalla misura cautelare del sequestro conservativo, confermato nella misura di un milione di euro con l’ordinanza emessa dal giudice monocratico della Sezione della Corte dei conti per la Lombardia, che ha rigettato tutte le eccezioni pregiudiziali e preliminari sollevate dalla difesa".