lavoro

Ponte Morandi: a 'Verso il Festival del lavoro' criticità per trasporti dopo crollo

24 Ore Genova, 27 feb. (Labitalia) - Le difficoltà per il sistema di trasporto ligure dopo il crollo del Ponte Morandi. Ma anche per via delle criticità già esistenti per il porto di Genova e il sistema autostradale. Questi i temi che sono stati al centro di un incontro a 'Verso il Festival del lavoro', organizzato dai consulenti del lavoro oggi a Genova. Per Giuseppe Tagnochetti, coordinatore regionale Trasportounito, "l'autotrasporto è uno dei settori che è stato più colpito dal crollo del viadotto, 4mila erano gli autotrasportatori che attraversavano lo scalo portuale verso la Pianura Padana attraverso il Ponte". "Quindi -ha sottolineato- il crollo del Ponte ha creato dei danni che sono stati in parte risolti attraverso le opere alternative realizzate in poco tempo dalle istituzioni locali. E questo ci ha permesso di continuare a lavorare. Se questa capacità decisionale straordinaria -ha continuato- dimostrata in questi mesi proseguirà anche dopo, condivisa anche da privati, allora Genova, Liguria, il porto possano rappresentare per l'Italia un modello che dimostra che lo sviluppo si realizza attraverso le decisioni vere". Per il consulente del lavoro Secondo Sandiano, "il nostro obiettivo è contribuire a creare nuovo lavoro, noi lavoriamo con aziende e più crescono e assumono e più il nostro lavoro si incrementa: se riusciamo ad accelerare su diversi fronti allora la nostra economia migliorerà".