lavoro

A HospitalitySud opportunità per tutti gli attori del turismo

24 Ore Napoli, 27 feb. (Labitalia) - La seconda edizione di HospitalitySud, il Salone dedicato alle forniture, ai servizi e alla formazione per l’hotellerie e l’extralberghiero, ideato e organizzato dalla Leader srl, ha preso il via stamane e si svolgerà a Napoli fino a domani presso Stazione Marittima. In occasione della Conferenza di apertura, coordinata da Ugo Picarelli, fondatore e direttore di HospitalitySud, hanno preso la parola Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, Pietro Spirito, presidente Autorità Portuale del Mar Tirreno Centrale, Giancarlo Carriero, presidente Sezione Turismo Unione Industriali Napoli, Vincenzo Schiavo, presidente Confesercenti Napoli, Antonio Izzo, presidente Federalberghi Napoli, Alessandro D’Andrea, presidente nazionale Ada-Associazione direttori albergo, Costanzo Jannotti Pecci, presidente Federterme, Giorgio Palmucci, presidente Associazione Italiana Confindustria Alberghi.“Napoli è una città attrattiva - ha dichiarato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris - dove tutto ciò che si fa è grazie ai napoletani, motivo per cui sostengo queste manifestazioni perché tutti insieme dobbiamo presentare la bellezza di Napoli e raccontarla. La narrazione delle cose belle, ma anche dei nostri problemi, è l’unico modo per attrarre i turisti e mantenere alto questo stato in cui Napoli piace: non a caso è stato luogo nell’ultimo periodo di 450 produzioni cinematografiche”. HospitalitySud si conferma come l’unico appuntamento del Centro-Sud Italia per gli operatori e i professionisti del mondo HoReCa, in particolare titolari, manager, impiegati e consulenti di: hotel; resort, ville, dimore storiche; relais, country house, agriturismi; villaggi, camping; affittacamere, bed and breakfast, case vacanza; ostelli; terme.HospitalitySud è un’opportunità unica per approcciarsi con le più importanti aziende, che si occupano di forniture e servizi dedicati al mondo dell’ospitalità: nel corso della due giorni, infatti, 70 espositori provenienti da 10 regioni italiane (Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Sicilia, Toscana, Trentino-Alto Adige, Umbria, Veneto) presenteranno le loro proposte in 46 diversi settori merceologici, dall’abbigliamento professionale agli articoli cortesia, dal design, accessori e complementi d’arredo al food & beverage per il breakfast, dai servizi energetici e assicurativi alle tecnologie hardware e software di gestione, dall’elettronica professionale alla formazione, alle offerte di lavoro e all’outsourcing, dalle attrezzature per il fitness ai componenti per l’edilizia, rifiniture e rivestimenti.“Essere presenti alla seconda edizione di HospitalitySud è un momento importante tra gli albergatori e i servizi - ha dichiarato Giorgio Palmucci, presidente Associazione Italiana Confindustria Alberghi - perché è necessario per il funzionamento delle strutture che gestiamo. Peraltro, la presenza di un numero importante di convegni con professionisti dei vari settori è l’opportunità di incontrare esperti per risolvere la gestione del quotidiano delle nostre strutture e rende la manifestazione completa”. Mentre Vincenzo Schiavo, presidente Confesercenti Napoli e Campania, ha dichiarato: “L’evoluzione della nostra città e della Campania è un’opportunità che stiamo vivendo, ma che dobbiamo imparare a gestire, va attenzionata e regolata per far sì che cresca in termini di qualità e non si accavalli, causando implosione piuttosto che ulteriore crescita”.Per Antonio Izzo, presidente Federalberghi Napoli, “HospitalitySud è una lieta occasione per lavorare insieme a Napoli dove spesso manca fare sinergia, a causa di una difficoltà al dialogo: ben vengano queste occasioni per Napoli di spingere nella stessa direzione”. Giancarlo Carriero, presidente Sezione Turismo Unione Industriali Napoli, ha ricordato che “di cose da fare ce ne sono tante, ma la più importante è stata rilanciare Napoli sul mercato internazionale". "La città - ha proseguito - gode per fortuna di una notorietà riconquistata, che era stata un po’ appannata negli ultimi 15 anni, e quindi stiamo vedendo da tutti i mercati una splendida risposta. Questi appuntamenti sono necessari per incontrare gli operatori specifici del settore e vedere come si sta evolvendo l’industria dell’ospitalità a 360 gradi”.In fiera mille opportunità con una offerta espositiva variegata, dove esperti delle tante merceologie sono a disposizione soprattutto per accompagnare l’attuale crescita record dell’industria turistica nel Sud Italia. “HospitalitySud va a colmare un vuoto esistente nel Centro-Sud Italia di appuntamenti dedicati al mondo dell’ospitalità - ha dichiarato Ugo Picarelli, fondatore e direttore di HospitalitySud - e si inserisce nell’ambito della congiuntura favorevole per l’industria turistica nazionale. La scelta di Napoli intende rendere protagonista la capitale del Mezzogiorno, oltre a soddisfare la sempre maggiore richiesta di forniture, servizi e formazione da parte dell’hotellerie e dell’extralberghiero”.