economia

Startup: fino a 300 mila euro per migliori progetti 'Welfare, che impresa!' (2)

24 Ore (AdnKronos) - "In questa terza edizione abbiamo introdotto importanti novità volte ad estendere la partecipazione al concorso non solo ai soggetti già attivi nel Terzo Settore, ma anche agli imprenditori sociali del futuro", spiega Diego Visconti, presidente di Fondazione Italiana Accenture. "E' un’iniziativa a cui teniamo molto perché si rivolge a giovani imprenditori che pongono al centro della propria idea di impresa il welfare di comunità" afferma Diana Bracco presidente dell'omonima fondazione. Marco Alverà, amministratore delegato di Snam e vice presidente di Fondazione Snam, sottolinea come si tratti di "una iniziativa di grande valore e perfettamente allineata alla nostra missione, per la sua capacità di coniugare innovazione, imprenditoria giovanile e sociale". ‘Welfare che impresa!’ "testimonia ancora una volta il ruolo di Ubi a supporto dell’imprenditorialità sociale - afferma Victor Massiah, ceo di Ubi Banca -. Tra i suoi punti di forza c’è senza dubbio il fatto di unire diversi strumenti di sostegno alle imprese vincitrici, con interventi che spaziano dal finanziamento a tasso zero a servizi di capacity building e accelerazione d’impresa". L’innovazione sociale "è fondamentale per favorire lo sviluppo locale al Sud. Agricoltura sociale, servizi alla persona, valorizzazione e cura del patrimonio culturale e paesaggistico sono ambiti nei quali crediamo molto - dichiara Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud -. Per questa ragione abbiamo accettato con entusiasmo l’invito a diventare partner dell’iniziativa e sostenerla, anche per offrire un’opportunità in più ai giovani e alle organizzazioni che vivono e operano nelle regioni meridionali e che credono nel loro futuro".