politica

Governo: Landini, 'non riconosce parti sociali, da solo non cambia Paese'

24 Ore Roma, 27 feb. (AdnKronos) - "Il governo ha scelto ad oggi di non avere un’interlocuzione con i sindacati, di fatto sta scegliendo di non riconoscere le parti sociali e i sindacati che le rappresentano, e fa un errore molto grave secondo me, perché da solo non lo cambia questo Paese. Anche altri a un certo punto hanno pensato di poter fare senza il sindacato, ma faccio notare che oltre a non aver cambiato il Paese, hanno avuto anche grandi problemi di consenso". Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7."Mai stati in disaccordo a combattere la povertà, ma ormai - rileva- siamo in un paese in cui si è poveri anche lavorando. I salari sono molto bassi e le condizioni pesantissime. Noi siamo convinti che fosse meglio il Rei, perché per combattere la povertà non basta più il lavoro. E il lavoro non lo creano i centri per l’impiego ma gli investimenti, e questo governo li ha bloccati".