economia

Tav: Besson, 'bandi devono partire, poi c'è tempo per approfondimenti'

24 Ore Roma, 8 mar. (AdnKronos) - "E' molto auspicabile che i bandi siano autorizzati a essere pubblicati per restare nel calendario europeo". Lo ha detto il presidente della Commissione intergovernativa italo-francese sulla Torino-Lione, Louis Besson, intervendo a Radio Anch'io da Rai 1. "Sono appelli, chiamate", dice spiegando che poi che per gli appalti c'è tempo fino a 18 mesi. "C'è tutto il tempo per approfondimenti", rileva. Sul rischio di perdere i 300 milioni della Ue, in caso di stop ai bandi, "dipende se il ritardo è di qualche giorno o di qualche settimana, ma la perdita è inevitabile se i tempi dovesse prolungarsi", avverte Besson. Alla domanda se sia necessario un passaggio parlamentare per cancellare il trattato internazionale con la Francia, "è vero", risponde Besson. "Italia e Francia hanno concluso tre trattati, nel 2001, 2012 e 2015, e ci sono trattati europei e internazionali importanti, il trattato per la Protezione delle Alpi nel 1991, e il trattato di Maastricht" per la realizzazione di una rete infrastrutturale europea. E , sottolinea Besson, "la Torino-Lione è una risposta ai due trattati".