economia

Titoli Stato: Meda (Banor Sim), 'investitori spaventati da incertezza continua' (2)

24 Ore (AdnKronos) - Insomma, aggiunge Meda, "è più una boutade, forse Salvini si è spinto così per via dei sondaggi. Ma il rumore contro l’Europa, se paga forse elettoralmente, non paga invece per i conti dell’Italia". La soglia di non ritorno, spiega il responsabile azionario di Banor Sim, "è quella di uno spread vicino ai 400 punti: significherebbe che serve un cambiamento, che non si può andare avanti così. Potrebbe essere la caduta del governo o addirittura l’intervento della troika, scenari che non ci auguriamo ma che i mercati mettono in conto"."Il nostro Paese dovrà combattere con lo spread ancora a lungo - conclude Meda - dovremmo liberarci della zavorra dello spread che costa alle aziende almeno il 20-30% in più rispetto alle controparti europee negli stessi settori e con gli stessi parametri".