economia

Industria: Unioncamere, in Veneto crescita 'solo' a +1,5 p.c ., ma migliorano le attese (2)

24 Ore (AdnKronos) - Sotto il profilo dimensionale si evidenzia la migliore performance produttiva delle imprese di piccole dimensioni (+2,9%), seguite dalle medie e grandi imprese (+0,8%). La crescita più marcata ha riguardato i beni intermedi (+1,9%), a seguire i beni di consumo (+1,6%) e di investimento (+0,5%). A livello settoriale la tendenza positiva si è registrata nel comparto della carta, stampa, editoria (+4,9%), del marmo, vetro, ceramica (+3,8%), del legno e mobile (+3,1%). Stabile invece è risultata la dinamica dell’alimentare, mentre di segno negativo gli altri settori (-0,4% gomma, plastica, -1,1% tessile, abbigliamento e calzature).Nel primo trimestre 2019 è diminuita la quota di imprese che registrano incrementi dei livelli produttivi (46% contro il 49% del trimestre precedente) e aumenta invece la quota al 37% di quelle che dichiarano variazioni negative della produzione. Il tasso di utilizzo degli impianti è leggermente diminuito attestandosi al 72,4%. Il livello di giacenze dei prodotti finiti è ritenuto adeguato dal 57% delle imprese industriali, per il 7,1% le giacenze sono scarse e per il 5,8% in esubero. Il 30,4% delle imprese intervistate non tiene giacenze.Nei primi mesi del 2019 il fatturato totale ha evidenziato una dinamica positiva del +2,3% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, leggermente inferiore rispetto alla variazione media annua 2018 (+3,9%). A livello dimensionale non si è registrata una differenza di performance tra le medie e grandi imprese e le piccole. Spiccano le dinamiche positive delle aziende del tessile, abbigliamento, calzature (+4,2%), carta, stampa, editoria (+3,2%), metalli e prodotti in metallo, delle macchine elettriche ed elettroniche e delle macchine e degli apparecchi meccanici (+2,9%). La dinamica del fatturato è ascrivibile alla variazione delle vendite all’estero (+2,9% in linea con il trimestre precedente ma lontano dal +5,2% del terzo trimestre 2018), mentre rallenta il fatturato interno (+1,9%, dopo il 3,5% del trimestre precedente).