politica

Casapound a Fb: "Causa per danni se non riattivate la pagina"

24 Ore Roma, 11 set. (AdnKronos) - Una diffida a riattivare la pagina Facebook entro 48 ore (a partire da ieri) è stata inviata da CasaPound al colosso social che il 9 settembre ha oscurato l'account ufficiale (verificato con la spunta blu) del movimento e decine di altre pagine e profili collegati, accusandoli di "diffondere odio".Nella diffida, CasaPound parla di "una improvvisa e ingiustificata disattivazione della pagina Facebook dell'Associazione" e sottolinea che l'account "è sempre stato utilizzato nel rispetto delle 'condizioni d'uso' e delle leggi in materia, senza porre in essere alcuna azione lesiva dei principi che tali previsioni intendono tutelare". Per questo il movimento contesta la condotta di Facebook, che, si sostiene nella diffida, "costituisce una grave violazione dei diritti dei miei assistiti ed è per loro causa di grave pregiudizio in quanto impedisce senza alcuna giustificazione l'esercizio di diritti fondamentali, riconosciuti dalla Costituzione italiana". Allo stesso tempo, secondo CasaPound, "la disattivazione della pagina integra una violazione delle disposizioni in materia di privacy e di proprietà intellettuale" poiché, scrive l'avvocato che firma l'atto, Guido Colaiacovo, "i miei assistiti non hanno più la disponibilità dei contenuti che sono di loro esclusiva proprietà". Quindi il legale diffida Facebook "a riattivare immediatamente l'account in questione, avvisandovi che, trascorsi inutilmente due giorni dal ricevimento della presente, sarà adita l'autorità giudiziaria, anche per ottenere il risarcimento dei danni subiti".