economia

Industria: allarme Cgil, 'in Sicilia emorragia posti di lavoro, servono nuove politiche sostenibili'

24 Ore Palermo, 12 set. (AdnKronos) - Prosegue in Sicilia l’emorragia di posti di lavoro: nel manifatturiero e nelle costruzioni, secondo gli ultimi dati Istat, nel 2° trimestre 2019 si sono registrati rispettivamente 4 mila e 9mila posti di lavoro in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. "Un totale di 13mila posti di lavoro andati in fumo" sottolinea il segretario generale Cgil Sicilia Alfio Mannino che lancia un allarme sul declino dell’industria siciliana e chiede alla Regione di "raccogliere la sfida del programma del nuovo governo nazionale di una nuova politica industriale nel segno della sostenibilità ambientale"."Una grande regione come la Sicilia non si può permettere un degrado industriale così galoppante - afferma - Si guardi ora ai processi di transizione, sostenendo l’apparato industriale e promuovendone un rilancio come industria green, compatibile con ambiente e salute. La Regione - aggiunge - deve fare la sua parte, innanzitutto sul fronte delle infrastrutture".