politica

Ue: Sassoli, 'cantiere fermo, è ora di riaprirlo'

24 Ore Roma, 9 ott. (AdnKronos) - "Noi siamo dentro un cantiere e per molto tempo questo cantiere si è fermato. Io penso che con questa legislatura e con il risultato elettorale, abbiamo rimesso il cartello 'lavori in corso'. Questo è l’inizio giusto della legislatura: 'lavori in corso'". Lo dice David Sassoli, presidente del Parlamento Ue, in una lunga intervista a Famiglia Cristiana nella quale parla anche di temi in discussione in Italia come lo Ius Culturae e il voto ai sedicenni. Su entrambi il presidente del Parlamento Ue è favorevole. "In tanti Paesi" i sedicenni "già votano. Non capisco perché non si possa fare anche da noi. I sedicenni non sono l’epoca dell’immaturità. Anzi, in questo momento mi sembra che stiano esprimendo una grande preoccupazione per la tutela del nostro Pianeta, per la salvaguardia dei nostri sistemi democratici. Sono informati, hanno il loro stile di vita". E sullo Ius Culturae osserva: "Per me, chi nasce qui è di qui. È un diritto. E quella proposta, con meccanismi non automatici, credo sia una risposta eticamente giusta".