economia

Fisco: Confapi Padova, il Veneto 'nasconde' più di 3 mld di Iva (2)

24 Ore (Adnkronos) - "Noi vogliamo rappresentare gli imprenditori che non evadono e riteniamo che qualsiasi misura in grado di combattere il fenomeno vada favorita», evidenzia Carlo Valerio, presidente di Confapi Padova, che ha commentato lo studio anche davanti alle telecamere di Agorà, programma di approfondimento di Rai Tre - In questo senso, l’uso del contante, in quanto mezzo anonimo e non tracciabile, non fa che alimentare le possibilità di sviluppare l’economia sommersa. Siamo quindi a favore delle misure che incentivino un utilizzo più diffuso di bancomat e carte di credito, riducendo i costi per i consumatori. Attenzione però: guai se questo si traduce in una nuova tassa sui contanti. Non di nuove tasse abbiamo bisogno, ma casomai di incentivi all’uso del Pos, riducendo o azzerando i costi per avvalersene"."Il discorso va tuttavia ampliato: non è una giustificazione, ma se in Italia si evade così tanto è anche per via della troppa burocrazia che agevola coloro che non vogliono pagare le tasse, dell’eccessiva propensione all’uso del contante in confronto alle altre nazioni e del continuo ricorso da parte dei Governi che si sono succeduti negli anni di misure inquadrabili come condoni che sono, in un certo senso, una sorta di incentivo all’evasione", sottolinea. "Detto questo, mi preme ampliare il ragionamento. I dati elaborati dal nostro centro studi ci dicono che, contrariamente a quanto si possa pensare rifacendosi al luogo comune dei piccoli imprenditori del Nord e dei lavoratori autonomi che evadono appena possono, il fenomeno incide molto di più in altre regioni, proprio quelle che, in questi anni, hanno goduto di forme assistenzialistiche più spinte come il Reddito di cittadinanza e che potrebbero goderne ancora. Noi non diciamo certo che il Mezzogiorno non vada aiutato, ma evitiamo che l’aiuto di Stato si assommi all’aiuto che si dà, da solo, chi evade e poi dichiara di vivere in condizioni di povertà. Il rischio, se non individuiamo gli anticorpi che consentono di identificare chi imbroglia, è che gli imprenditori onesti si ritrovino a pagare anche per chi non lo è", conclude.