cronaca

Coronavirus: Zangrillo, 'se errori in Lombardia perché emergenza improvvisa'

24 Ore Milano, 9 apr. (Adnkronos) - In Lombardia "ci sono stati errori che non potevano non essere fatti perché l'emergenza è stata improvvisa". Lo dice a Telelombardia Alberto Zangrillo, primario dell’Unità operativa di Anestesia e rianimazione generale del San Raffaele di Milano, parlando di "sciacalli" a proposito di chi ha detto che dopo l'emergenza coronavirus la sanità dovrebbe essere di nuovo centralizzata. In Lombardia, poi, "il ruolo del privato è stato sostanziale, determinante: nel nostro ospedale c'è la quota maggiore rispetto al totale dei pazienti covid19. Coloro che utilizzano questa situazione per speculare su pubblico e privato lasciano il tempo che trovano. Quando ci saranno i dati veri, chiederanno scusa", affermano. Il problema dei morti, però, è reale. "E' vero - dice Zangrillo - ci sono tanti morti, si potevano evitare? Può darsi, ma è stata situazione emergenziale che è stata affrontata come si poteva. Tutti hanno dato il massimo, su questo posso essere categorico, sia il pubblico che il privato". L'ipotesi del 4 maggio come fine del lockdown, "la trovo verosimile con la curva che stiamo osservando. Nella fase 2 non possiamo permetterci di fare errori, bisogna capire se ci sono altri focolai di contagio".