Sostenibilita

Arriva il compattatore che calcola e certifica l'anidride carbonica risparmiata

24 Ore Roma, 17 ott. - (Adnkronos) - Il cestino dei rifiuti diventa intelligente e, nei supermercati, riesce a far accumulare punti spesa. Con questa filosofia Eurven azienda attiva nella progettazione di sistemi a monte di raccolta differenziata, compattazione e riciclo dei rifiuti, porterà ad Ecomondo, la fiera della green economy (dal 9 al 12 novembre), importanti innovazioni per il settore. L'azienda, attiva da due anni, fornisce compattatori in grado di eseguire il calcolo esatto e certificato di quante emissioni di Co2 sono state evitate grazie al conferimento di rifiuti nei macchinari. Diverse grandi realtà si sono avvicinate al progetto come Coca Cola, Ikea, Autogrill, Gardaland Unes, e Despar. Attualmente, spiega all'Adnkronos, Carlo Alberto Baesso, general manager di Eurven, "sono 250 le macchine installate in tutta Italia ma in cantiere ci sono importanti progetti. Solo la Coop, ad esempio, ha intenzione di installarne 600". Compattare i rifiuti, spiega Baesso, "significa ridurne l'ingombro, quindi tagliare i costi della raccolta da 5 a 8 volte, diminuire la Co2 emessa dai camion per la loro movimentazione, ma soprattutto trasformarli in risorsa, perché ridiventano materia prima da vendere e riciclare". Così i rifiuti possono diventare una fonte di guadagno. Quanto al costo del macchinario è possibile anche noleggiarlo: "in questo caso lo sgravio fiscale è del 100%". A Ecomondo, inoltre, sarà poi presentato il primo progetto realizzato nel nostro Paese di incentivazione alla raccolta della carta, in partnership con Despar. Il sistema prevede che gli utenti che conferiscono carta e cartone nei macchinari ricevano punti premio utili per ottenere sconti sui prodotti in vendita, quindi una spinta ulteriore a fare raccolta differenziata. "Alcuni hanno chiesto anche il compattatore per i cellulari, cd e trasformatori usati". Infine, tra le tante soluzioni per trasformare i rifiuti da problema a risorsa, sarà lanciato Big Belly Solar, uno speciale cestino per il rifiuto secco con compattatore integrato alimentato da un pannello fotovoltaico. Al beneficio della compattazione, ovvero riduzione del volume dei rifiuti quindi dei costi di smaltimento e delle emissioni di Co2 per la loro movimentazione, si aggiungono le zero emissioni per il suo fabbisogno energetico. Le soluzioni al problema rifiuti, dunque, "ci sono. Purtroppo in Italia c'è un interesse a non fare le cose. Altrimenti non sarebbe possibile giustificare l'aumento delle tasse sui rifiuti", conclude general manager di Eurven.