economia

Ricerca, ad Area Science Park la sfida di BeanTech per il data center Orfeo

24 Ore Roma, 23 lug. (Adnkronos) - E' stata BeanTech a vincere la sfida e diventare così il partner tecnologico di Area Science Park per il data center Orfeo,il primo in Italia ad estrarre dati e conoscenze sul Coronavirus per la ricerca scientifica e che dispone oggi di più di 500 core e 2 mila terabyte di spazio disco utilizzabile, declinati in diversi tipi di tecnologie. L’azienda friulana - specializzata in trasformazione digitale a supporto delle imprese - ha infatti sviluppato, assieme al team di Area - l'ente nazionale di ricerca e innovazione vigilato dal Mur - l’infrastruttura tecnologica del data center Orfeo basato a Trieste. Orfeo completa la piattaforma di Genomica ed Epigenomica costituita, oltre che dal data center, anche da una serie di facility innovative dedicate alle analisi di sequenze su Dna e Rna e genotipizzazione-microarrays."Il data center, progettato prima della pandemia, è stato prontamente impiegato nella lotta al Coronavirus" riferisce Stefano Cozzini, Direttore dell’Istituto Ricerca e Tecnologie di Area Science Park. Orfeo "é stato infatti rapidamente espanso con specifiche schede di calcolo Gpu e nella sua parte storage così -spiega Cozzini- da poter essere utilizzato per stoccare e successivamente analizzare i dati provenienti dall’analisi dei campioni Sars-Cov-2 e delle sue varianti raccolti in Friuli Venezia Giulia".Tra gli altri progetti realizzati, c'é anche il primo browser semantico per estrarre conoscenze sul Sars-CoV-2 nato nel febbraio 2020 da tre studenti del corso di laurea in Data Science and Scientific Computing dell’Università degli Studi di Trieste, in collaborazione con Area Science Park e Ailc, l'Associazione Italiana di Linguistica Computazionale. Il motore di ricerca innovativo, basato sui più avanzati modelli di intelligenza artificiale, permette di effettuare rapide e precise ricerche semantiche nella miriade di pubblicazioni esistenti sul tema: nel 2020 sono stati oltre 4mila gli studi pubblicati sul virus Sars-CoV-2 e su Covid-19 in tutto il mondo, a cui si aggiungono più di 40mila articoli relativi a vari coronavirus e patologie da essi causate.