Politica

Crisi, imprese e banche: subito misure poi governo emergenza nazionale

(Fin/Ct/Adnkronos)
24 Ore Roma, 9 nov. (Adnkronos) - L'Italia "si trova a un drammatico punto di svolta". Per questo "occorre che tutti mettano al primo posto l'obiettivo di salvare il Paese e per questo convergano sulle riforme che ci vengono richieste dall'Unione Europea e dalla Comunita' Internazionale". E' quanto si legge in una nota congiunta di Abi, Ania, Alleanza delle cooperative, Confindustria e Rete imprese Italia. I toni sono perentori. "Non vi sono alternative possibili". Imprese e banche, quindi, proseguono: "esprimiamo piena fiducia nell'operato del Presidente della Repubblica e nei suoi costanti richiami alle responsabilita' di ciascuno". "Rivolgiamo un forte appello a tutte le forze politiche. Non e' il momento della divisione, non e' il momento del conflitto. E' il momento del dialogo e della ricerca di soluzioni per il bene comune", aggiungono. "Entro questa settimana deve essere approvata la legge di stabilita'. Occorre subito dopo dare il via all'azione forte e determinata di un governo di emergenza nazionale, con un'ampia base parlamentare. Occorre che gia' nelle prossime ore i mercati e la comunita' internazionale percepiscano che si va concretamente delineando questa soluzione della crisi politica". Poi, la conclusione: "l'Italia ha tutti i mezzi, le condizioni, le risorse economiche e morali per farcela".