VI Festival Internazionale di Poesia
Palabra en el Mundo

A partire dalle ore 18:30 in Piazza Azuni
 (foto: Comune di Sassari)
(foto: Comune di Sassari)

SASSARI. Torna a Sassari uno degli eventi poetici internazionali più importanti, con il coinvolgimento mondiale di migliaia di artisti.
Attraverso la poesia, un messaggio in contemporanea mondiale, contro le guerre, a favore di progetti di pace.

Sassari è infatti una delle 800 città del mondo che il 19 maggio celebreranno il progetto Palabra en En el Mundo, nato nel 2007 da un'idea di tre straordinari artisti sud americani,Tito Alvarado, Gabriel Impaglione, Alex Pausides e che quest’anno ha come titolo: “Diamo un’opportunità alla Pace”.

Letture all'aperto, dibattiti, manifestazioni artistiche, reading poetico musicali in contemporanea mondiale, come una rete di artisti, poeti, esseri umani che manifestano contro tutte le guerre.

Ad oggi le nazioni partecipanti sono oltre 35, tra cui: Italia, Romania, Austria, Bulgaria, Spagna, Germania, Stati Uniti, Canada, Argentina, El Salvador, Panama, Perù, Mexico, Francia, Costa Rica, Chile, Colombia, Republica Dominicana, Bolivia, Nicaragua, Brasile.

L'evento a Sassari, patrocinato dal Comune - Assessorato alle Culture e inserito nel maggio sassarese, sarà come sempre curato dal Progetto Ottobre in Poesia di Leonardo Onida (referente di Palabra en el Mundo per la Sardegna) con la collaborazione speciale dei LibraialCentro (Messaggerie Sarde, Libreria Azuni, Mondadori-Dessì, Odradek) e l’ARCI provinciale e regionale.

A partire dalle ore 18:30 in Piazza Azuni, si susseguiranno le letture di versi da parte di decine di artisti e appassionati; 1 minuto e mezzo a testa per chiunque voglia portare il proprio contributo umano, poetico, artistico. Per partecipare, scrivere a eventi@ottobreinpoesia.it o chiamare il 340/8456466.

Spesso il tema della Pace si affronta in modo demagogico e strumentale.
In mancanza di fondi, con i tagli sempre più diffusi alla Cultura a livello nazionale, il Comune di Sassari non ha comunque voluto rinunciare all’evento.
Anche per questo gli organizzatori hanno pensato ad un evento ad impatto zero, senza scenografie, strutture, palco; “perché noi crediamo nel valore sociale della Poesia e della Cultura e continueremo a lavorare per costruire progetti importanti, immuni dalla ricerca del consenso fine a se stesso, perché il più autentico contributo ad una idea di Pace che passa per la Poesia e la condivisione empatica di un messaggio universale, può non aver bisogno di spettacolarizzazioni e orpelli”, ha dichiarato Leonardo Onida.

Il progetto prevede una contemporaneità mondiale ma anche regionale, tanto che diversi sono i comuni che anche in Sardegna stanno progressivamente aderendo all’iniziativa.
Particolarmente importante sarà il legame tra Sassari e Tula, comune dove sotto la regia del poeta Francesco Masia si terrà una importante serata all’insegna di poesia, musica e tradizione.
Un'altra bella pagina culturale, un contributo prezioso che la Sardegna offre, poeticamente, al Mondo.

 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Comune di Sassari)