Premio Navicella a Rossella Urru
‘La cooperazione è una scelta di vita′

di Valentina Guido
Egidiangela Sechi, Rossella Urru, Franco Cuccureddu (foto: SassariNotizie.com)
Egidiangela Sechi, Rossella Urru, Franco Cuccureddu (foto: SassariNotizie.com)

CASTELSARDO. “La cooperazione è una scelta di vita”. Così Rossella Urru ha accolto il premio Navicella direttamente dalle mani di Franco Cuccureddu, assessore al Turismo del Comune di Castelsardo. Ieri sera il borgo medievale ha ospitato l’11esima edizione della manifestazione nata per assegnare un riconoscimento alle personalità che, con il proprio operato, hanno contribuito a dare prestigio alla Sardegna nel mondo.

Rossella Urru è certamente una di queste. Il rapimento che ha tenuto l’Italia con il fiato sospeso per mesi, infatti, è stato in qualche modo conseguenza del coraggio e della generosità che la 29enne ha messo in mostra in Africa come volontaria del Cisp. Un’esperienza che Rossella ieri sera ha ripercorso di fronte al pubblico del castello dei Doria. Ora dovrà “ritrovare se stessa”, ma nel suo futuro- è sicuro- c’è ancora la cooperazione.

La serata è stata presentata dalla giornalista Egidiangela Sechi. La giuria composta da scrittori, giornalisti, editori e professionisti, ha premiato anche l’astrofisica Simona Murgia, il chirurgo Giovanni Battista Agus, lo scultore Pinuccio Sciola, il sindaco di Saint Tropez Jean Pierre Tuveri, l’attrice Enrica Pintore e l’attore Bruno Putzolu.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Egidiangela Sechi, Rossella Urru, Franco Cuccureddu (foto: SassariNotizie.com)