TRASPORTI

Meno voli tra l'Isola, Milano e Roma
Comincia l'autunno di Alitalia Cai

 (foto: wikimediacommons/ pubblico dominio)
(foto: wikimediacommons/ pubblico dominio)

SASSARI. “Mentre la Giunta Regionale e l’Assessorato Regionale dei Trasporti perdono tempo a dibattere sulla Flotta Sarda e assegnare il servizio di trasporto aereo in proroga, in attesa di decidere su come elaborare un bando che non vada deserto e sulla tariffa unica, i vettori così come gli armatori si muovono solo ed esclusivamente a tutela dei propri interessi, dimenticandosi quelli dei cittadini ed in modo particolare quelli del territorio del Nord Ovest”.

Duro il giudizio del segretario Filt-Cgil Arnaldo Boeddu sui tagli ai voli da e per la Sardegna decisi da Alitalia Cai. “Manca solo l'ufficialità, ma già da domenica 7 ottobre è impossibile prenotare il primo volo da Alghero per Milano alle 6.40 e per Roma dalle ore 7.00”. Un rapido controllo sul sito della compagnia permette di verificare che è così. “Questa è la conseguenza del mancato varo della legge sulla continuità territoriale aerea che permette ai vettori di garantire il collegamento senza più alcuna regola”. Sino alla fine di ottobre, infatti, è in visgore la proprora del regime precedente che lascia mano libera a i vettori.

Le brutte notizie non finiscono qui: “Già dai primi giorni di novembre ma, potrebbe accadere anche prima, il volo giornaliero delle ore 19,40 da Alghero per Milano e delle ore 9,30 da Milano per Alghero pare verrà cancellato. Così come, per l’intero periodo invernale, l’aeroporto potrebbe non avere più alcuna garanzia del volo Alghero Torino- prosegue Boeddu- Se le notizie apprese fossero confermate, non vi è alcun dubbio né remora ad affermare che in questo territorio il diritto alla mobilità sancito dalla Costituzione sarà ancora una volta calpestato e a pagarne le conseguenze maggiori saranno i cittadini sardi in generale equelli del Nord Ovest dell’Isola in maniera particolare”.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: wikimediacommons/ pubblico dominio)