Brincus, gli studenti universitari
viaggiano gratis verso Ottava

di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
Gianfranco Garau, Attilio Mastino e Leonardo Marras (foto: SassariNotizie.com)
Gianfranco Garau, Attilio Mastino e Leonardo Marras (foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. Da oggi gli studenti dell'Università di Sassari sono più vicini al mondo dello sport. Tutto merito di Brincus, una nuova linea di trasporto urbano dell'Atp che effettuerà tre corse giornaliere di andata e tre di ritorno, tra le ore 14 e le 19, dal lunedì al venerdì verso gli impianti di San Giovanni gestiti dal Cus-Centro universitario sportivo, dove sono disponibili tre campi da tennis, due campi di calcio regolamentari in erba e in terra battuta, due campi di calcetto, una palestra attrezzata per il body building, un campo da basket e da pallavolo. La navetta, immediatamente riconoscibile dall'utenza, ha una capienza di 25 posti e seguirà un percorso di circa 35 minuti. Gli studenti universitari potranno viaggiare gratuitamente, previa esibizione del tesserino accademico o della tessera di iscrizione al Cus. Il progetto Brincus è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa cnhe si è svolta nella sala Milella dell'Università. All'incontro con i giornalisti erano presenti il rettore Attilio Mastino; il sindaco Gianfranco Ganau, il Presidente dell'Atp Leonardo Marras. Mastino ha dichiarato che con Brincus si mira a incrementare l'utilizzo degli impianti sportivi di San Giovanni, che per la loro collocazione nella periferia di Sassari al momento non sono sfruttati in misura adeguata alle loro potenzialità.

Hanno partecipato alla presentazione del progetto anche il direttore generale dell'Atp, Roberto Pocci, l'assessore comunale allo Sport Alessio Marras, il Prorettore Aldo Maria Morace, Michela Loi, rappresentante degli studenti per il Cus, Giancarlo Gareddu del servizio agli studenti per il Cus, Simone Tinteri, rappresentante del Forum delle associazioni, il presidente del Cus, Gianni Ippolito e Giorgio Pintore, delegato dell'Università per i rapporti con l'amministrazione comunale. L'itinerario è stato pensato appositamente per rispondere alle esigenze della popolazione studentesca dell'Università di Sassari: si parte dalla casa dello studente di via Amendola, si procede fino alla casa dello studente di via Verona, si attraversa la zona di via Vienna, la Mensa di via dei Mille e corso Margherita di Savoia. Poi, tramite la strada statale 131, si raggiungono i campi del Cus. Le partenze da via Amendola sono programmate per le ore 14.15 (con arrivo alle 14.50), per le ore 16.00 (con arrivo alle 16.40) e per le ore 18.00 (con arrivo alle 18.35). Le partenze dai campi del Cus sono alle ore 15.00, 16.50 e 18.50 (arrivo alla Mensa di via dei Mille rispettivamente alle 15.35, 17.25 e 19.25). Il servizio, per ora a carattere sperimentale, potrà essere rivisto e in parte modificato in relazione alle richieste. Il progetto Brincus unisce l'Università di Sassari, il Comune e l'Azienda trasporti pubblici nell'ambito del più ampio progetto "Unicittà". Avrà un costo di circa 67mila euro, che provengono dall’esito di un bando dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) dal quale i tre partner - Comune di Sassari, Università di Sassari e Atp - hanno ottenuto un cospicuo finanziamento.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Gianfranco Garau, Attilio Mastino e Leonardo Marras (foto: SassariNotizie.com)
  • Gli impanti del Cus Sassari (foto: Ufficio stampa Università di Sassari)