Trasporti ferroviari nord Sardegna
Boeddu chiede scelte coraggiose

 (foto: Valentina Guido SassariNotizie.com)
(foto: Valentina Guido SassariNotizie.com)

SASSARI. Nei giorni scorsi, a causa di un fulmine, è andato in tilt il sistema che regola automaticamente il passaggio dei treni delle ex Ferrovie della Sardegna sulla tratta Sassari Alghero. Per il segretario generale della Filt Cgil, Arnaldo Boeddu, questo come altri sistemi di sicurezza hanno bisogno di una periodica e costante manutenzione che anche a causa del mancato turn over, non viene più effettuata nelle scadenze dovute.

"Ben sapendo che le risorse destinate al settore dei trasporti - scrive Boeddu - non solo sono insufficienti ma, sono destinate a subire ulteriori quanto drastici tagli chiedo non solo alla Azienda ma, alla Regione Sardegna, quali progetti e quali risorse, al netto della demagogia e del populismo pre elettorale, voglia destinare per il sistema ferroviario a scartamento ridotto". Il Segretario della Filt Cgil ricorda poi che, ancora oggi, il servizio del "trenino verde" che, draga ingenti risorse e che non ha come vocazione quella di portare i cittadini a scuola o al lavoro, viene ancora effettuato ed è ancora a carico del Trasporto Pubblico Locale. Per questo, ritiene non più eludibile e rinviabile, lo scorporo dei costi del servizio turistico del trenino verde che, dovrà essere posto a carico dell'Assessorato Regionale al Turismo, rispetto ai costi del servizio ferroviario di TPL.

"La decisione in qualche misura anche coraggiose, così come quella di elettrificare la Sassari Sorso e successivamente la Sassari Alghero - continua Boeddu -, devon essere prese ora, per non compromettere tutto il sistema ferroviario a scartamento ridotto". Un altra decisione che, sempre ad avviso del sindacalista dovrebbe essere presa è "quella di far arrivare la metrotranvia Sirio sino al quartiere Sassari 2. Il costo di questa operazione, peraltro, sarebbe risibile. Infatti i binari ci sono già e basterebbe solo elettrificare la linea per un paio di chilometri.  Congiuntamente si dovranno fare gli investimenti sul parco rotabile ferroviario. Se a breve non dovessero arrivare nuovi treni, ci potremmo trovare nella condizione di vivere un paradosso, quello, magari, di avere la migliore infrastruttura ferroviaria ma, farci circolare treni che, al massimo vanno a 60Km all'ora".

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Valentina Guido SassariNotizie.com)