Il Masedu è chiuso da un anno
Dopo la Biennale il vuoto assoluto

La Provincia di Sassari, proprietaria della struttura, ammette: "Al momento non ci sono fondi"
di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
Il museo "Masedu" di viale Pascoli (foto: SassariNotizie.com)
Il museo "Masedu" di viale Pascoli (foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. Il cartellone pubblicitario della Biennale Sardegna è ancora esposto orgogliosamente davanti all'ingresso principale in via Pascoli. Ma per il Masedu, il museo di arte contemporanea della Provincia di Sassari, quella mostra firmata da Vittorio Sgarbi è soltanto un lontano ricordo. Da oltre un anno infatti la struttura è chiusa al pubblico, e non certo per mancanza di idee da parte degli artisti del territorio. Una volta conclusa la grande kermesse organizzata dalla Regione per celebrare il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, i taglio del governo ai trasferimenti per gli enti locali hanno messo in crisi ogni progetto di rilancio. Il museo, come è noto, appartiene alla Provincia di Sassari. Che però in questo momento ha problemi molto più grandi da sciogliere, come ad esempio capire se dal febbraio 2013 tutte le province sarde verranno commissariate come previsto da una nuova legge regionale in fase di approvazione.  Il neoassessore alla Cultura della Provincia di Sassari, Daniele Sanna, fa capire che per il momento non è realistico ipotizzare una riapertura della struttura. "In questa fase siamo bloccati dal patto di stabilità Occorrerebbe un lavoro congiunto con il Comune e con la Regione, perché la struttura è molto grande ed è molto difficile da soli trovari i fondi". Anche perché bisognerebbe capire come organizzare gli spazi: ci sono oltre 3mila metri quadrati a disposizione.

La mega struttura di via Pascoli ha alle spalle una storia lunga e travagliata: in origine era un saponificio, poi diventò una scuola e infine un'area museale. Nel settembre del 2004, a conclusione dell'esposizione dedicata a Brancaleone Cugusi da Romani, Vittorio Sgarbi riuscì a portare a Sassari anche il presidente del Consiglio Berlusconi, insieme con il presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga. Nel 2005 però, nel pieno della sua attività, il museo venne chiuso dai carabinieri perché necessitava di urgenti lavori di restauro. Lavori che si rivelarono molto più lunghi del previsto, con il risultato che da quel momento la data di riapertura iniziò a slittare di anno in anno. Nel giugno del 2011 è arrivata la svolta grazie ai fondi per la Biennale messi a disposizione dell'assessorato regionale alla Cultura. Con la riapertura si pariva una nuova fase: la presidente Giudici e il direttore dell'Accademia Bisaccia durante una conferenza stampa avevano addirittura ipotizzato un rilancio della struttura come centrale sperimentale per l'arte, con la creazione di laboratori artistici e artigiani curati da docenti e studenti. E invece, nulla di fatto.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Tags
Immagini articolo
  • Il museo "Masedu" di viale Pascoli (foto: SassariNotizie.com)
  •  (foto: Stefano Sotgiu)