"Chirurgia protesica dell'anca"
A Sassari confronto tra ortopedici

 (foto: Ufficio stampa Asl)
(foto: Ufficio stampa Asl)

SASSARI. "La Chirurgia protesica dell'anca: attualità e prospettive”, è il titolo di un convegno organizzato a Sassari dall'unità operativa di Ortopedia e Traumatologia dell'ospedale Santissima Annunziata e in programma sabato, 24 novembre dalle 9 alle 13, presso Villa Mimosa, sede della Confindustria del Nord Sardegna.

"L'incontro sarà l'occasione per un approfondimento sulle problematiche dell'anca a 50 anni dall'introduzione delle nuove tecnologie chirurgiche che portarono il prof. Sotgiu, allora primario del reparto di Ortopedia dell'Ospedale Civile di Sassari, a sperimentare per la prima volta in Sardegna le protesi dell'anca” spiega Dott.Francesco Cudoni, da marzo di quest'anno Direttore dell'Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia. La frattura dell'anca è una patologia in continuo aumento, legata per lo più all'artrosi e all'osteoporosi dovute all'invecchiamento della popolazione che hanno gravi implicazioni sulla qualità e sulla durata della vita di una persona.  Il mondo scientifico e è sempre più impegnato a trovare soluzioni innovative per introdurre nuovi impianti e biomateriali (titanio, ceramica, polietilene ad altissima densità) e favorire l'utilizzo di tecniche chirurgiche mini invasive con incisioni cutanee più piccole e risparmio tessutale muscoloscheletrico. Al convegno di sabato parteciperanno come relatori, insieme al dott. Francesco Cudoni,  il dott. Peppino Mela, direttore dell'unità operativa di Ortopedia dell'Asl di Olbia, il prof. Antonio Capone direttore della clinica ortopedica di Cagliari. Prevista anche una lettura magistrale del prof. Paolo Cherubino, direttore della clinica ortopedica di Varese, nonché presidente della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Ufficio stampa Asl)