I MERCOLEDÌ DELLA CULTURA

"Sassari e la musica": dal 30 gennaio
il Fai apre un ciclo di conferenze

SASSARI. La delegazione Fai di Sassari ripropone alla città uno dei suoi appuntamenti più attesi: la rassegna “I mercoledì della cultura”. Dopo aver indagato negli anni passati sulle arti visive, l'architettura e l'imprenditoria, il Fai ha deciso quest'anno di approfondire la storia del rapporto tra "Sassari e la musica". Questo è infatti il titolo del ciclo di conferenze che si terranno a partire dal 30 gennaio, alle 17, nella sala conferenze della Camera di commercio in via Roma. “La musica per Sassari è sempre stata un'attività molto importante -dice il capo delegazione Fai Angelo Tilocca- con un vasto seguito di appassionati. Abbiamo avuto numerosi artisti di rilievo tra cui Luigi Canepa, e già Enrico Costa, nel suo “Sassari” dedicò un capitolo allo stretto rapporto tra questa forma d'arte e la città”.

Nel vari incontri si avvicenderanno relatori appartenenti al mondo musicale e culturale cittadino. Si parte il 30 gennaio con una relazione di Antonio Ligios dal titolo  "La vita musicale a Sassari dai primi dell'Ottocento sino all'Unità d'Italia". Il 13 febbraio Antonio Cossu presenta "L'insegnamento della musica a Sassari: fonti storiche, protagonisti, istituzioni". Si prosegue il 27 febbraio con "Visioni sonore. Note sull'iconografia musicale a Sassari" – relatore Gian Nicola Spanu. L'ultimo appuntamento della rassegna è fissato per Il 13 marzo quando Antonio Ligios presenterà "Una città a teatro: le stagioni liriche al Politeama"

Tra le attività promosse dalla delegazione Fai sassarese è prevista anche l'assegnazione di una borsa di studio per un lavoro di ricerca sul pittore Francesco Menzio, tempiese di nascita e torinese d'adozione. L'amministrazione comunale della città gallurese e la Banca di Sassari, condividendo l'iniziativa l'hanno finanziata consentendo una ricerca approfondita sull'artista. Il 6 febbraio alle 17,30 nella sede di viale Umberto del Banco di Sardegna il Fai promuove inoltre la conferenza dal titolo “Per l’Armonia dell’ambiente Un diverso stile del desiderio” relatore L.Lombardi Vallauri.

L'attività del Fai presenterà come consuetudine nel mese di marzo con la “giornata Fai di primavera”, che anche quest'anno cadrà il 24 marzo e condurrà i sassaresi alla riscoperta di alcuni luoghi e spazi cittadini spesso chiusi al pubblico o poco conosciuti. “Lo scorso anno durante la giornata fai di primavera, - prosegue Tilocca - abbiamo raccolto una somma che unita alla disponibilità della Banca di Sassari sempre molto attenta ai bisogni del territorio, ci ha dato la possibilità di finanziare il restauro del settecentesco quadro di S. Eusebio, conservato nell'omonima chiesa di Caniga e notevolmente deteriorato. Quest'anno in occasione dello stesso evento ci auguriamo di poter ricollocare il dipinto, attualmente ancora in fase di restauro nella chiesetta”.

  

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Tags
Immagini articolo